Cerca nel blog

30 marzo 2012

Ciambella di Pasqua (ricetta di A. Spisni) / Colac pascal (dulce regional italian)

Questa ricetta lo presa dal libro “La maestra di cucina “ di Alessandra Spisni. E' simile con la ricetta di ciambella romagnola . La ciambella romagnola è particolare ...perchè non ha il buco. Si forma in filoncini o in pagnotte rotonde. Un dolce che si prepara tutto l’anno in Romagna , ideale per la colazione e merenda o da bagnare nel vino a fine pasto. Le tradizioni , dicono che alla mattina di Pasqua, in Romagna si mangia la ciambella con l'uovo sodo benedetto .Ecco a voi la ricetta . Un saluto a tutti e buon weekend !



Ingredienti
per 2 ciambelle

500 g. di farina
3 uova
200 g. di zucchero semolato
100 g. di burro
1 bustina di lievito per i dolci vanigliato
la scorza di un limone
un bicchiere di latte tiepido
un pizzico di sale
zucchero in granella

Preparazione:Sul fuoco basso, in un tegamino, sciogliete il burro in un bicchiere di latte e lasciate intiepidire . In una terrina capiente, unisci la farina e lo zucchero semolato ,la scorza grattugiata di un limone, la bustina di lievito e un pizzico di sale .Unisci anche le uova e il latte con il burro disciolto e impasta tutti gli ingredienti .L’impasto deve essere compatto ma leggermente morbido . Dividi in due pezzi l’impasto e dagli la forma che preferisci: a filoncino  oppure chiuso a cerchio con il buco in mezzo. Nella teglia da forno, ho messo sulla carta da forno una ciotollina diam.10-12 cm. e intorno con il cucchiaio,  ho dato all'impasto la forma di ciambella.  Pennella la superficie con latte, spolverizza con zucchero semolato e zucchero in granella. Cuoci in forno riscaldato a 160 °-170° per circa 40 minuti .


Partecipo con questa ricetta alla raccolta "Tutta la dolce Pasqua del mondo " di Paola - Fairieskitchen






română

Acest colac pascal (ciambella di Pasqua) , se prepara in regiunea Emilia Romagna, Italia. Este un dulce care practic se face tot anul ...nu numai de Paste...,se numeste tot ciambella sau ciambella romagnola ,decat ca i se da o forma diferita in tava ..nu de colac...putin ovala si lunguiata sau rotunda ...fara gaura in mijloc. Se taie in felii . Reteta aici. Ca traditie, in dimineata de Paste ,se mananca cu ou sfintit. Are o textura putin mai uscata decat un chec. Se poate servi cu cafea cu lapte, ceai sau simplu. Deasemenea ,se poate servi la sfarsitul mesei, inmuiat in vin . Fiind un dulce care se consuma destul de des tot anul ...fiind mereu prezent in magazinele alimentare din regiune ..are si variante delicioase . Se taie in doua dupa ce s-a copt (rece) ,se umple cu crema de alune sau in compozitia aluatului ,se pune bucati de ciocolata.




Ingrediente
pentru 2 bucati

500 g de faina
3 oua
200 g. zahar tos
100 g. unt
1 praf de copt vanilat
coaja rasa de la o lamaie
un pahar de lapte caldut
un varf de sare
zahar granulat
eu am facut doar o bucata dar am pus 2 oua
Mod de preparare:
Intr-o craticioara , la foc mic , topiti untul cu laptele si lasati sa se raceasca , sa fie caldut. Intr-un castron destul de mare, puneti faina (mai bine cernuta) ,zaharul ,coaja rasa de lamaie, praful de copt si un varf de sare. Puneti ouale si laptele caldut in care a-ti topit untul . Amestecati bine totul cu lingura . Aluatul trebuie sa fie compact dar putin moale in acelasi timp. Se imparte in doua , asa se vor face doua ciambelle/colacuri , se vor coace per rand in tava. Se da la forma de colac. Se poate pune in tava si sub forma mai lunguiata ..putin ovala …o specie de paine giganta. Ca sa dau forma de colac , am pus o craticioara cu diametru de 10-12 cm. cu gura in jos ,pe foaia de cuptor in tava , apoi am pus aluatul de jur imprejur ajutandu-ma cu lingura , dand forma rotunda. Am udat cu putin lapte deasupra , am presarat zaharul granulat si putin tos . Se coace in cuptorul incalzit , la o temperatura de 160° -170° circa 40 minute ,pana se rumeneste usor.

27 commenti:

  1. Ciao, nel mio blog è partita una raccolta di ricette che si preparano per Pasqua in tutto il mondo, Questa ricetta sarebbe perfetta. Se ti va passa a trovarmi :)

    http://fairieskitchen.blogspot.it/2012/03/tutta-la-dolce-pasqua-del-mondo-il-mio.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Paola ,vengo a trovarti. Grazie per l'informazione...ciao!

      Elimina
  2. Non l'ho mai mangiata!!! ma deve essere ottima.. smackkkk buon w.e .-)

    RispondiElimina
  3. quante ricette della tradizione a Pasqua ed e' bello poterle vedere e leggere nei vari blog quella che ci proponi oggi e' molto bella brava!!!!buon fine settimana..baci

    RispondiElimina
  4. una vera delizia bravissima , baci buona domenica

    RispondiElimina
  5. imi place mult cum arata,si faptul ca se mananca cu ou sfintit ca si la noi,baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yaya :da...multe traditii ca si al noi ;-)
      bacioni

      Elimina
  6. Ciao Nicoleta, il tuo blog è molto interessante. sono lieta che ti trovi bene in Italia anche se non ho capito in che regione vivi. vedo che la tua cucina prevede piatti di tante origini e questo è molto bello. Mi unisco ai tuoi follower se vuoi fare altrettanto mi farà piacere ti aspetto sul mio blog. ciao e in bocca al lupo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Agapanto!
      Abito in Romagna (Emilia Romagna). Grazie per i complimenti. Interessante anche il tuo blog..lo visto.
      grazie ..a presto!

      Elimina
  7. che ricordi mi hai riportato..lontani...mi ero dimenticata di questa ciambella che da piccola mangiavo
    auguri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta Lo!
      Grazie auguroni anche a te !

      Elimina
  8. Che bontà, una ciambella genuina e profumata, ne sento la morbidezza!

    Approfitto x invitarti a partecipare alla mia nuova sfida mensile dedicata ai dolci:
    http://morenaincucina.blogspot.it/2012/04/una-nuova-iniziativa-sfida-mensile-un.html

    A presto!

    RispondiElimina
  9. Grazie Morena! Interessante la tua iniziativa, leggerò meglio sul tuo blog !
    ciao..a presto!

    RispondiElimina
  10. Mi piacerebbe averla davanti. Dev'essere davvero buona, oltretutto è sofficissima. Ciao.

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono i dolci genuini!!!
    Proprio una bella tradizione!!!
    A presto e un bacio!!!!

    RispondiElimina
  12. che bontà! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. Serena Pasqua!
    un abbraccio
    Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika! Buona Pasqua a te e famiglia!
      un abbraccio

      Elimina
  14. che bella ricetta complimenti ti seguo con piacere se ti va passa da me ciao e buona pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena! Sono contenta che ti piace il mio blog. Certo che vengo a trovarti !
      Grazie per gli auguri ..buona Pasqua anche a te!

      Elimina
  15. ma è stupenda questa ciambella!!!tanti cari auguri di buona pasqua!baci!

    RispondiElimina
  16. Grazie per la ricetta :) Sapessi quanta ne ho mangiata quando ero in Romagna :) tra l'altro ricordo che la prima volta che la vidi mi stupii del fatto che tutto avesse fuorché la forma della ciambella :) E' buonissima :)

    RispondiElimina
  17. Complimenti e grazie che condividi con noi, le ricette della tua tradizione :)

    RispondiElimina
  18. Buona e chissà che profumo! Un bacione

    RispondiElimina

Grazie, i vostri commenti sono sempre graditi...
appena posso ricambierò la visita ◕‿◕

Blog