Cerca nel blog

27 marzo 2016

Pastiera al cioccolato / Pastiera cu ciocolata




Quest'anno finalmente sono riuscita a fare la pastiera al cioccolato .Non lo so se questa è proprio la ricetta di pastiera al cioccolato di Sal de Riso, cosi come ho letto su questo blog . Comunque, io lo modificata solo un pochino. Non vi potete immaginare quanto sia buona questa pastiera!!! 
Vi lascio i miei auguri di ...






Ingredienti:
pasta frolla 

  • 500 g. di farina
  • 250 g. di burro
  • 200 g. di zucchero
  • 2 tuorli
  • 1 uovo
  • scorza grattugiata di limone
  • un pizzico di sale
  farcitura

  • 300 g. di ricotta di mucca
  • 50 g. di zucchero
  • 1 bustina vanillina (0,5 g)
  • 150 g. di crema pasticcera
  • 250 g di grano cotto
  • 2 uova intere
  • 100 g. di cioccolato fondente al 70%
  • 100 g. di latte
  • un cucchiaino aroma fiori di arancio
  • un pizzico di cannella

Procedimento:
Preparate la pasta frolla. Disponete la farina a fontana e mettete all'interno l'uovo e i tuorli , il burro ammorbidito, lo zucchero e un pizzico di sale. Amalgamate bene il tutto,  fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciatela riposare in frigo, mentre preparate la farcitura.
Con un sbattitore mescolate la ricotta con lo zucchero e le uova , aggiungete la vaniglia e la crema pasticcera. Unite, mescolando a mano con un cucchiaio , il grano cotto e incorporatelo bene . Sciogliete il cioccolato a bagnomaria , unite il latte caldo, mescolate molto bene.Lasciate raffreddare e poi aggiungete il cioccolato alla ricotta. Aggiungete la cannella , aroma  di fiori d'arancio e mescolate bene. Stendete la pasta frolla direttamente sulla carta da forno e rivestite una teglia tonda con diametro di 24 cm. Distribuite la farcitura. Con un po’di pasta frolla tenuta a parte , ricavate delle strisce che appoggerete sulla farcitura. Infornate a 180° gradi per 50-60 minuti. Quando si raffredda , spolverizzate di zucchero a velo.




*****




21 marzo 2016

Porri ripieni con carne / Praz umplut cu carne

   


Ingredienti: 

  • 3 porri grossi 
  • circa 200 g.carne macinata manzo, maiale o misto 
  • 1 uovo 
  • 2-3 tazze passata di pomodoro 
  • 2 spicchi d'aglio 
  • 2 cucchiai di grana grattugiato 
  • 5 cucchiai di olio extravergine 
  • 1 cucchiaio farina, fecola (facoltativo) 
  • prezzemolo fresco 
  • 4 cucchiai vino bianco 
  • olive (facoltativo) 
  • sale, pepe 

Nota:
I porri ideali per preparare questa ricetta devono essere abbastanza grossi.
Preparazione:
Pulite un paio di foglie esterne del porro, sciacquate con acqua fresca corrente. Tagliare la parte bianca e verde chiaro in pezzi di circa 6 cm. Mettiamo porri in acqua bollente con poco sale,li sbollentiamo un po'...circa 1 minuto , scoliamo subito. Con un cucchiaio di legno (manico),spingiamo dentro, eliminiamo la parte centrale del porro, lasciando solo circa 4 foglie al esterno. Questa operazione si può fare anche con i porri crudi ma non sempre riesce bene. La carne macinata si mescola con l’uovo, aglio ben tritato ,sale, pepe, prezzemolo fresco tritato. Volendo , nel ripieno si può mettere anche la parte centrale del porro,ma diminuite un po' la quantità di carne. Se no lo mettete nel ripieno ,si  può mettere nel sugo con la salsa di pomodoro. Io la parte centrale del porro lo usata per la preparazione delle polpette di riso. Con la carne macinata , riempiamo i porri , con aiuto di una siringa per decorare i dolci o con un cucchiaino aiutandoci con le dita .In una casseruola mettiamo 4-5 cucchiai di olio, rosoliamo i porri circa 2 minuti rigirandoli, aggiungiamo il vino ,lasciamo altri 3 minuti e poi aggiungiamo la passata di pomodoro . Lasciamo a cuocere lentamente, circa 30 minuti , coperto con coperchio...ma non del tutto. A metta cottura , aggiungiamo acqua (o brodo vegetale) ,cosi abbiamo abbastanza sugo .Volendo aggiungete delle olive verdi o nere snocciolate. Io non ho messo olive. Dopo circa 20 minuti ,mescoliamo farina (fecola o amido) con poco brodo/acqua e mettiamo dentro. Aggiustiamo di sale e lasciamo sul fuoco ancora circa 10 minuti. Spolverizzate i porri con prezzemolo fresco tritato e servite subito caldi .

*****
Ricetta presa da un libro di cucina rumena.  





15 marzo 2016

Tenerina alla zucca / Prajitura tenerina cu dovleac




La torta tenerina alla zucca è un dolce morbido con un sapore delicato e aromatico.Un dessert semplice per tutte le occasioni. A me è piaciuto molto!  Ricetta trovata qui e leggermente modificata.


Ingredienti:
300 g. di polpa di zucca cotta al forno
3 uova
125 g. di burro morbido
125 g. di zucchero fino
2 cucchiai di farina 00
1 cucchiaio di fecola di patate o maizena
1 bustina di vanillina
un pizzico di sale
zucchero a velo vanigliato

Nota :scegliete per la preparazione una zucca poco acquosa .Io ho usato zucca Delica ,è ottima .

Preparazione:
Mettete nel forno già caldo ( 200°) la zucca tagliate a fette, quando è morbida è pronta. Eliminare la buccia e mettete la polpa di zucca in una ciotola e schiacciatela bene con una forchetta o con un frullatore, fino a renderla cremosa ,come un pure. In una ciotola, mescolate bene il burro con lo zucchero, fino a diventare ben cremoso. Aggiungete i tuorli , frullate bene e poi aggiungete la zucca e mescolate bene. Se la zucca non dovesse essere molto dolce, aumentate la quantità di zucchero.
Aggiungete  la vanillina e la farina, la fecola di patate , un cucchiaio alla volta, e amalgamate bene tutto il composto.Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale, quindi incorporateli delicatamente al composto di zucca , con movimenti dal basso verso l’alto. Foderate una tortiera (diametro 24 cm.) con carta da forno, versate il composto. Cuocete in forno preriscaldato a 180°, (io forno a gas) , per circa 40-45 minuti. Fatte prova dello stuzzicadenti. Quando si raffredda bene, spolverizzate con zucchero a velo.
La tenerina di zucca viene morbida e leggermente umida all’interno, come quella al cioccolato.
*****
Per fare la tenerina classica al cioccolato ,dolce tipico di Ferrara ,la ricetta lo trovate qui.






5 marzo 2016

Zuppa di seppie e patate / Supă de sepie si cartofi




Ingredienti:

  • 300 g.di seppie (io solo ciuffetti seppie)
  • 3 patate
  • 200 ml. passata di pomodoro
  • 300 ml. brodo di pesce
  • 2-3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d'aglio
  • paprika piccante (facoltativo)
  • prezzemolo fresco


Procedimento:
Pulite le seppie e tagliatele a pezzi non troppo piccoli. In una casseruola  mettete l'olio, l'aglio sbucciato e la cipolla tritata. Rosolate per una decina di minuti a fuoco medio e poi aggiungete le seppie a pezzi .Fatte ancora cuocere per circa 5 minuti e togliete l'aglio. Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti non troppo piccoli .Aggiungete le patate in casseruola con la seppia e poi  la passata di pomodoro. Versate brodo di pesce, e cuocere la zuppa per circa 40 minuti a fuoco basso.Se scade il brodo aggiungere ancora. Verso alla fine, volendo aggiungete la paprika piccante. Quando la zuppa è pronta, servite calda con del prezzemolo fresco tritato e con crostoni all'aglio ben tostati.

*****
Una zuppa semplice da preparare e gustosa .La ricetta l'ho trovata qui.




3 marzo 2016

Monselice

Oggi niente ricetta. Recentemente, nel weekend, io e mio marito abbiamo visitato Monselice. Abbiamo visitato un po' il centro, poi siamo andati verso il castello ...non lontano dal centro e di seguito abbiamo fatto il percorso delle Sette Chiese. Se siete interessati ,sotto potete leggere delle informazioni storiche, prese da web.

Monselice, comune della provincia di Padova nei Colli Euganei Città antichissima, già in epoca altomedioevale era cinta da un sistema fortificato e sede della sculdascia longobarda del padovano. La Rocca sul colle che domina la città , è stata voluta da Federico II nel 1239.

Ai piedi del Colle della Rocca si erge maestoso un complesso architettonico denominato Castello Cini che raggruppa in sé diverse tipologie di edifici. Il Castello si compone infatti di quattro nuclei principali; la parte più antica è la Casa Romanica (XI sec.) che assieme al Castelletto (XII sec.) forma il primo nucleo abitativo. Nel corso del XIII sec., staccata, venne costruita la Torre Ezzeliniana , un possente edificio difensivo voluto da Ezzelino III da Romano.

Il santuario giubilare o il percorso delle sette Chiese, progettato dallo Scamozzi su commissione dei conti Duodo nella prima metà del ‘600, è formato da 6 cappelle allineate lungo il colle, e da una settima chiesa, San Giorgio, che chiude idealmente il percorso devozionale sulla spianata della villa. 

L'arco d'ingresso all'area sacra del Santuario Giubilare delle Sette Chiesette, è chiamata la "Porta Romana" o "Porta Santa" dove l'iscrizione Romanis basilicis pares , ricorda il collegamento con il pellegrinaggio alle basiliche romane. Le sei cappelle ospitano cinque pregevoli pale di Jacopo Palma il Giovane mentre in quella cointitolata ai santi Pietro e Paolo, vi è una pala attribuita al pittore bavarese Johann Carl Loth.
Monselice , la Rocca e la Via delle Sette Chiese (foto presa da web)


******
Vi lascio delle fotografie (scattate da me) con la città , castello di Monselice e il percorso delle Sette Chiese. Se decidete di visitare, meglio quando c'è bel tempo. Dal inizio alla fine del percorso delle Sette Chiese, si gode di un bellissimo panorama sulla città di Monselice. Un bel posto ,pieno di monumenti e storia. 

chiesetta vicino alla stazione 

Nicola Tincani trovato morto nel fiume a Monselice oggi 24 febbraio 2014

Potrebbe interessarti:http://www.padovaoggi.it/cronaca/nicola-tincani-trovato-morto-fiume-monselice-oggi-24-febbraio-2014.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/PadovaOggi/199447200092925

Villa Pisani 


Piazza Mazzini con la duecentesca torre civica


Castello di Monselice


Cortile interno castello di Monselice..la torre di Ezzelino 

Cortile interno castello di Monselice

castello di Monselice

Ingresso di Villa Nani Mocenigo 

Villa Nani Mocenigo- La villa Nani Mocenigo fu costruita dal patrizio veneziano Agostino Nani verso la fine del XV secolo e fu ampliata durante il secolo successivo. È un edificio massiccio con un'ampia scala a terrazze e numerose statue che conduce al ninfeo di scuola palladiana. Le mura di cinta sono sormontate da statue di nani, chiara allusione al nome della famiglia.






Il duomo vecchio, dedicato a Santa Giustina

Panorama dal percorso delle Sette Chiese,sullo sfondo Colli Euganei

Porta dei Leoni Comitali


Porta dei Leoni Comitali

Chiesa di S. Francesco

la "Porta Romana" o "Porta Santa" dove l'iscrizione Romanis basilicis pares , ricorda il collegamento con il pellegrinaggio alle basiliche romane

vista sulla città  dove si vede Duomo di Monselice 

percorso Via delle Sette Chiesele con cappelle laterali lungo la salita, ognuna dedicata ad un diverso santo...Santa Maria Maggiore, San Giovanni in Laterano, Santa Croce in Gerusalemme, San Lorenzo fuori le mura, San Sebastiano, Santi Pietro e Paolo.


Esedra di San Francesco Saverio

Una parte di Villa Duodo e vicino Chiesa di S. Giorgio, che fa parte del Santuario Giubilare delle Sette Chiese

Villa Duodo

Esedra di S. Francesco Saverio Nei Giardini di Villa Duodo a Monselice

Chiesa di S. Giorgio, che fa parte del Santuario Giubilare delle Sette Chiese .Nel 1651 vennero traslati da Roma i corpi di tre martiri e numerose reliquie.



percorso Via delle Sette Chiesele con cappelle laterali lungo la salita, ognuna dedicata ad un diverso santo...Santa Maria Maggiore, San Giovanni in Laterano, Santa Croce in Gerusalemme, San Lorenzo fuori le mura, San Sebastiano, Santi Pietro e Paolo.


città murata ...sullo sfondo si vede la Rocca di Monselice

Blog