Cerca nel blog

26 ottobre 2011

Sulle strade di Bucarest / Pe strazile Bucureştiului

Oggi niente ricetta , solo delle foto . Foto scattate da me all’inizio di questo mese, con la mia città natale Bucarest ( Bucureşti -Romania) . Sono stata  solo  per pochi giorni ,un breve viaggio dopo due anni di assenza.  Prossimi giorni , posterò anche le foto con un ‘altra città rumena , Sinaia, una delle più belle località montane della Romania, notevole per l'architettura pittoresca. Altre foto con la capitale rumena Bucarest , li trovate qui. Buona giornata a tutti !


Ponte Basarab (Podul Basarab) - dicono ...il più  largo e lungo d' Europa http://www.youtube.com/watch?v=ZtI0ROTSWT0&feature=related
immagine presa dal  web

Circolo militare nazionale
L'Ospedale Coltea è il più vecchio ospedale a Bucarest, datante a partire da 1704.  L'ospedale è costruito nell'architettura neoclassica. Vicino a fianco  la chiesa Coltea . Spitalul Coltea (1704)cu biserica Coltea, cel mai vechi spital din Bucuresti.


Dappertutto, trovi negozi che vendono direttamente sulla strada  prodotti di pasticeria dolci e salati , a base di pasta sfoglia o vari impasti  ,ripieni  con formaggio salato e dolce, marmellata , noci , cacao-cioccolato , crema , frutta  ,lokum.


I tipici covrigi ..una specie di brezel , ha la forma di un anello con le due estremità annodate. Gli ingredienti di covrigi sono farina di grano tenero, lievito di birra e acqua.  Prima della cottura, viene immerso per qualche secondo in una soluzione bollente di acqua e bicarbonato di sodio ,si passano nel sale  o semi di papavero e poi si inforna.
 
Centro storico - via Lipscani .Il suo nome proviene dai negozianti di Leipzig (Lipsia) . Oltre alle attività commerciali, la strada ospitava numerose locande. Strada Lipscani,strada in centrul vechi , importanta artera comerciala din Bucuresti . 

mercatino nel centro storico
camice tradizionale rumena (costume popolare)  si chiamano "ie"
Hanul cu tei - Locanda degli Tigli (1833 ) , corridoio interno  ,stretto sulla via Lipscani  con tanti piccoli negozietti  ,dove mercanti di quelli tempi commerciavano le loro merci , articoli prodotti nell'Europa occidentale.  Oggi  si trova un bar e si svolgono anche mostre d’arte  all’ aperto . 
Ateneul Roman (Romanian Athenaeum)  è stato progettato da Albert Galleron, un architetto francese.Anche se era già aperto il 1888, costruzione continuò fino al 1897. E 'stato restaurato nel 1992 e, quindi, rimane ora una bella immagine di Bucarest.
Il Caru cu Bere (Carrello con Birra)  
situato nel centro storico  è un posto imperdibile quando si va a Bucarest. Costruito alla fine del 1800 è caratterizzato da un arredamento tipico delle birrerie antiche ( locande) che trovate anche in posti come Praga o in Germania.Si mangiano alcune tipicità rumene tra le quali spicca l'enorme e buonissimo stinco di maiale. Ottime anche le salsicce, gli antipasti e i dolci.
Chiesa / biserica italiana
Fontana davanti all' Università  (Fantana de la Universitate) -rossa come protesta per lo sfruttamento minerario nella zona di Rosia Montana
Piazza della Rivoluzione
Catedrala romano-catolica San Giuseppe (1884 )
Catedrala romano-catolica Sf. Iosif
Il Museo Nazionale d'Arte Rumeno (in lingua romena Muzeul Naţional de Artă al României) si trova nell'ex palazzo Reale in piazza della Rivoluzione a Bucarest. Vi sono conservate importanti collezioni di arte medievale e moderna, sia di artisti rumeni che internazionali, questi ultimi un tempo collezionati dalla famiglia reale rumena.

14 ottobre 2011

MARMELLATA DI SUSINE, MELE E NOCI / MARMELADA DE PRUNE, MERE SI NUCI

Verso fine settembre ,ho preparato questa marmellata di susine, mele e noci. Buonissima , da usarla per i dolci ma anche per la colazione, su una fetta di pane.
Ricetta trovata e modificata dal blog di Cristina .



   Ingredienti:
  • 800 gr. di susine gialle
  • 200 gr. di mele (io golden)
  • 800 gr. di zucchero semolato
  • una manciata di gherigli di noci
  • ½ limone
.........................................
Lavate bene le prugne e le e mele. Snocciolate le prugne e tagliate le mele in due e togliete i semi . Se volete potete anche sbucciare le mele. Io ho lasciato la frutta con la buccia. Tagliate tutto a cubetti piccoli .
Mettete tutto in una pentola con il fondo spesso di acciaio . Mettete la frutta dentro ,aggiungete lo zucchero e il succo di limone. Lasciate cuocere 40- 50 minuti da quando inizia a bollire . Prima cuocete a fuoco abbastanza alto e da quando bolle , abbassate la fiamma . Se volete avere una marmellata omogenea, quando la frutta è diventata molle , lo passate con il passaverdura , poi continuate a bollire. Verso alla fine cottura ..quando vedete che la marmellata si addensa ,mettete un bel pugno di gherigli di noci , tagliate pezzettini piccoli. Per verificare la cottura fare la prova del piattino... mettere una goccia di marmellata sul piattino, se scivola appena è pronta, altrimenti dovete cuocere ancora.
Sterilizzata i barattoli e i coperchi 10-15 minuti in acqua che bolle, togliete dall'acqua e lasciate che si asciugano..magari in forno caldo Mettete la marmellata ancora ben calda negli barratoli , chiudeteli bene e capovolgerli a testa in giù per circa 10 minuti . Girate i barratoli e lasciateli coperti fino al giorno dopo ,ben coperti con dei pani da cucina . Un altro modo ..se avete più tempo… mettete i vasetti sigillati in una pentola dai bordi alti, copriteli con acqua fredda fin sopra la superficie, fateli bollire almeno 1h . Spegnete il fuoco e fateli raffreddare nella loro acqua.


Blog