Cerca nel blog

30 luglio 2012

Torta Bounty- cocco e cioccolato / Prăjitură Bounty - cocos si ciocolata




Siamo in estate ...quindi tempo di gelati, sorbetti, granatine ,ecc . Io invece l’altra settimana, ho fatto una bella torta al cocco e cioccolato. Proprio al contrario! Volevo fare un dolce semplice per la colazione, tipo ciambella. Ricetta l'avevo salvata tempo fa dal blog di Claudia-My ricettarium , insieme alle altre sue ricette.
E' buonissima , soffice con sapore intenso di cocco. Grazie Claudia!
 A proposito di gelati, proprio oggi faccio un parfait/semifreddo al cocco .Se viene buono, come credo, nei prossimi giorni metto la ricetta sul blog.
Ciao e buona settimana a tutti !


Ingredienti:

  • 3 uova 
  • 100 g. di cioccolato fondente
  • 100 g. di farina di cocco
  • 100 g. di farina
  • 80 ml. di olio di semi (io olio di girasole)
  • 100 g. di zucchero
  • quasi 1 bicchiere di latte di soya (io latte di mucca)
  • 1 pizzico di cannella
  • 1/2 bustina di lievito
  • un pizzico di sale

    • Preparazione:
      Sciogliete a bagnomaria il cioccolato con il latte. Sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere il cioccolato fuso raffreddato , l'olio, la farina, la farina di cocco, la cannella, il lievito . Alla fine aggiungete gli albumi montati a neve (ben fermi) con un pizzico di sale. Incorporate a cucchiaiate dall'alto verso il basso , facendo attenzione a non smontarli. Infornare a 160° per circa 40 minuti. Spolverizzarlo con zucchero a velo. Io ho spolverizzato anche con un po' di cocco grattugiato.



      Tante altre ricette con cocco trovate qui.



       Partecipo con questa ricetta al contest “Le ricette passano… da un blog all’altro!” di  L'officina del cibo.





      25 luglio 2012

      Insalata di riso con surimi, zucchine e pomodoro / Salata de orez cu surimi, dovlecei si rosii





      Vi piacciono le insalate di riso ? A me tanto. Questa insalata di riso, lo preparata qualche giorno fa per cena . Volendo, il riso si può sostituire con il cous cous.
            

             Ingredienti:
             per 2 persone 
      • 150 g di riso per l’insalate (circa 6 pugni)
      • 1 zucchina grande
      • 1-2 pomodori
      • 8-10 surimi
      • 1 cipolla piccola
      • olio extravergine di oliva
      • curcuma

       Procedimento: 
      In una casseruola, fate cuocere il riso in acqua salata. Scolate il riso e passatelo sotto l'acqua fredda per fermare la cottura . In una padella mettete circa 2-3 cucchiai di olio , rosolate la cipolla e le zucchine tagliate a rondelle . Aggiungete un po’ d’acqua e stufate il tutto. Quando le zucchine sono morbide ,aggiungete il pomodoro e i surimi (scongelati) tagliati a tocchetti. Tenete solo per 1-2 minuti sul fuoco medio, aggiungete un pizzico di curcuma e togliete dal fuoco, fino a quando le verdure non si ammorbidiscono troppo. Aggiungere sempre un po’ di acqua se le verdure sono troppo asciutte . Salate e pepate. Aggiungete il riso ,mescolate bene . Se volete ,condite con un po’ d’olio extravergine a crudo. Servite l’insalata fredda o tiepida.

      Altre ricette insalate di pasta e riso trovate qui e qui .

      21 luglio 2012

      Piadina con tzatziki ,prosciutto cotto e rucola / Piadina (lipie) cu tzatziki, sunca si rucola

      Chi non conosce la piadina ? A casa mia , la piadina non può mancare . Vivo proprio in Romagna, e la piadina è un piatto tipico della cucina romagnola. Ma non solo per questo motivo , anche perchè sono intollerante al lievito di birra. La piadina è un sostituto ideale del pane e visto che non ha lievito di birra , io lo mangio spesso. Provatela cosi , farcita con prosciutto cotto, tzatziki e rucola. Sostituire il prosciutto cotto con qualche altro affettato .
      Un pasto veloce , fresco e leggero.





              
             Ingredienti:
      • 1 piadina grande 
      • 100 g .di tzatziki
      • prosciutto cotto 2-3 fette
      • rucola
      Procedimento:
      Riscaldate un po’ la piadina, se usate quella già fatta. Se no , lo potete preparare dopo questa ricetta. Lasciatela intiepidire e farcirla con il prosciutto cotto (o altro affettato) , salsa tzatziki e rucola ,alla fine piegarla in due.




      Buon fine settimana ...ciaoooo!
      Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic





      16 luglio 2012

      Causa peruviana con pollo / Causa peruana cu pui

      Causa è un piatto peruviano ,un tortino freddo a base di patate e verdure con l'aggiunta di pesce come tonno (Causa de Atun) , o gamberi (Causa de Camarones ), o pollo e maionese
      Tempo fa , ho preparato la causa con tonno ,la ricetta lo trovate qui .Questa volta ho fatto la causa con pollo. Buonissima ,mi sono piaciute tutte e due. Un piatto fresco e gustoso ,ottimo come antipasto ma anche come piatto unico.



              
            

             Ingredienti:
      • 6 patate farinose
      • maionese q.b.
      • 2-3 cucchiai olio di oliva extravergine
      • peperoncino piccante in polvere
      • pepe
      • succo di un limone
      • carne di pollo allo spiedo/carne arrosto (io 3 pezzi petto di tacchino lessato)
      • 200 g. di verdure miste al naturale -conserva (carote, patate e piselli)
      • maionese q.b.
      • decorare con olive , uova sode

      Procedimento:
      Lessate le patate e schiacciatele al passapatate quando sono ancora calde, lasciatele raffreddare bene. Aggiungere alle patate schiacciate ,olio ..circa 2 cucchiai, 2-3 cucchiai di maionese, il succo di un limone e peperoncino in polvere, sale, pepe e mescolate. Assaggiate, deve essere saporito e cremoso, non secco...aggiungete un po' di olio. Deve essere un po' piccante ed un po'acidulo...aggiungete un po' di peperoncino o di limone . In una insalatiera versate le verdure miste (carote, piselli, patate ), il pollo tagliato a pezzetti e la maionese ,mescolate bene. Dividete il composto di patate in due. Su un piatto da portata mettere una parte di patate e stenderla livellandola, fino ad ottenere uno strato di circa 3 cm. Sopra questo primo strato si distribuisce tutto il ripieno di carne , verdure e maionese. Si prende l’altra parte di patate e con attenzione si ricopre il tutto, livellando bene con una paletta per tagliare e servire la torta. Decorate con le olive e uova sode, mettete la causa in frigorifero. Servitela fredda a fette ,su foglie di lattuga .
      Una mia considerazione: il giorno dopo è più buona ! Image and video hosting by TinyPic

       ricetta trovata su cucinaperuviana-by-mariella.blogspot.it
                             Ciao e buon inizio settimana!!! Image and video hosting by TinyPic

      12 luglio 2012

      Ciliegie sciroppate / Compot de cirese

      Quest'anno ho voluto fare un po'di ciliegie sciroppate. Io da piccola ,adoravo le amarene sciroppate . Purtroppo non ho trovato le amarene, e cosi mi sono accontentata delle ciliegie .La mia nonna ,le faceva tutti gli anni d’estate, anche per servirle subito, non solo per conservarle a lungo per l’inverno. Bolliva per poco tempo la frutta con l’acqua ,aggiungeva lo zucchero e un po'di vanillina. Quande erano pronte, le teneva nel frigorifero. Ci offriva alla fine del pasto o come merenda, una coppetta di amarene o ciliegie sciroppate. Vi assicuro, d'estate quando faceva caldo, erano buonissime...una vera toccasana.







      Ingredienti:
      ciliegie
      200g .di zucchero per 1 litro di acqua

      Preparazione:
      Lavate i vasetti in vetro insieme ai loro coperchi, asciugateli e metteteli nel forno per circa 30 minuti ad una temperatura che non deve superare i 100 gradi. Lasciate raffreddare. Lavate le ciliege e eliminate il picciolo . Sistemare le ciliegie nei vasetti in modo tale da lasciare meno spazi vuoti possibili . Mettete l’acqua dentro vasetti fino al bordo ,cosi sapete quanto sciroppo dovete fare. Rovesciate l’acqua e adesso fate lo sciroppo. Mettete l’acqua sul fuoco in una pentola e versateci dentro lo zucchero. Portatela ad ebollizione, mescolate fino a quando lo zucchero sarà completamente sciolto. Io ho assaggiato e mi sembrava abbastanza dolce 200 gr .di zucchero per 1 litro di acqua. Se vi piace più dolce mettete più zucchero. Fate raffreddare lo sciroppo, e poi versatelo sulle ciliegie dentro ai vasetti , muovendole ogni tanto, cosi le eventuali bolle d’aria escono . Mettete lo sciroppo fino a circa 2 cm. dal bordo. Avvolgeteli in teli di cotone ben stretti e disponeteli uno accanto all’altro in una pentola riempita per metà di acqua. Mettete sul fuoco a fiamma media. L’acqua deve bollire per almeno 20 minuti . Trascorso il tempo, spegnete il fuoco e lasciate i barattoli nella pentola a raffreddare. Una volta freddi ,togliete dalla pentola. Asciugate bene, controllando la tenuta della chiusura ermetica. Mettete a conservare in luogo fresco, asciutto, al riparo dalla luce. Riposare per almeno un mese prima di consumarle .

      Conservatele non più di 12 mesi. Si possono aromatizzare nel sciroppo con la cannella, chiodi di garofano, vaniglia . Una volta aperto il vasetto si tiene nel frigorifero e dovrete consumare le ciliegie in massimo 3-4 giorni. Potete usare le ciliegie sciroppate come guarnizione per i dolci , servire con del gelato o preparare i dolci soffici , come la ciambella.




       

      3 luglio 2012

      La città di Macerata

      Oggi niente ricetta , vi faccio viaggiare comodi. Estate , tempo di vacanze...no !!
      Vi porto a Macerata ,dove sono stata un mese fa . Macerata è un comune italiano, capoluogo dell'omonima provincia delle Marche. Situato su una collina di 311 metri slm, il Comune nasce nel 1138 e da allora il suo centro storico si sviluppa fino ad acquisire già nel seicento le sembianze che ancora oggi lo caratterizzano. Completamente chiusa da mura quattrocentesche e cinquecentesche, Macerata si presenta armonica ed uniforme nelle sue architetture grazie anche all’uso molto diffuso del mattone. Attualmente Macerata è “Città della Cultura” anche grazie alla sua Università, che, nata nel 1540 da uno Studium legum del 1290, si è molto sviluppata negli ultimi anni. A Macerata si trova lo Sferisterio , una struttura teatrale unica nel suo genere architettonico. Lo Sferisterio deve il suo nome e la sua particolare pianta a segmento di cerchio alla destinazione d'uso originaria, come luogo per il pallone col bracciale . Secondo i più noti cantanti lirici è il teatro all'aperto con la migliore acustica in Italia.
      Città caratteristica , grazie alle sue salite e discese, vicoli stretti e ripide scalinate. Pochi di questi vicoli sono abbastanza larghi da far passare una macchina . Spero che non vi annoiate, sono parecchie foto.
      Se avete l'occasione andate a visitare Macerata ,è  davvero una bella città .



      la stazione di Macerata

      verso Arena Sferisterio
      Arena Sferisterio vista da fuori ..si può anche visitare dentro
      
      nucleo storico racchiuso dalle mura
      




      Piazza Mazzini - città Macerata
      Pizza della Libertà -Torre Civica
      Torre Civica - città Macerata
      Piazza della Libertà -dietro la Loggia dei Mercanti




      
      una delle tantissime chiese
      



      tante scalinate , una caratteristica  della città

      vicoli stretti

      vicolo ripido




      Università degli Studi
      Palazzo dei Diamanti
       Chiesa di S.Giovanni, in Piazza Vittorio Veneto

      Museo Palazzo Ricci

      una piccola pausa tra le vie interne del centro storico


      centro storico -bar e pub  

      tante scalinate



      vista  dalla parte alta della città

      vicolo stretto in discesa


      uscita dalla zona storica che affianca ingresso all'Arena Sferisterio


      informazioni sulla città prese da web

      Blog